umbria

francesca Casterllani S&DCon estremo entusiasmo annuncio la nascita di un altro comitato per il si ” Medici per il si S&D-UMBRIA”
Con la vittoria del si al referendum avverrà la riforma del titolo V della Costituzione e del sistema bicamerale portando delle novità anche in materia di Sanità. Viene infatti meno la legislazione concorrente tra Stato e Regioni e si ristabilisce un primato statale nelle decisioni di politica Sanitaria. Pertanto le componenti statali si ampliano prevedendo l’esclusività della potestà legislative dello stato non solo nella determinazione dei LEA ( livelli essenziali delle prestazioni) ma anche nelle disposizioni generali e comuni per la tutela della salute e per le politiche sociali.
È poi previsto che alle Regioni resti “la potestà legislativa in materia di programmazione e organizzazione dei servizi sanitari e sociali”
Questa riforma costituzionale è un tentativo di correzione dell’attuale bicameralismo perfetto che lascerebbe alla sola camera dei deputati la competenza legislativa ordinaria e soprattutto quella di dare fiducia al Governo.
Il nuovo Senato (ridotto nel numero dei suoi componenti)manterrebbe solo alcune competenze; solo ad es. nel caso di leggi che riguardano le competenze regionali il voto del Senato sarà obbligatorio.
Questo è un cambiamento necessario ed auspicabile in quanto la nostra Sanità ne uscirà rafforzata sul piano della garanzia di equità e uniformità dei LEA sul territorio nazionale.
Francesca Castellani ( coordinatrice regionale S&D  dei comitati del si Umbria)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

francesca castellani, socialdem, socialisti & democratici, italia che dice si“Anche in Umbria sono numerosi i cittadini che hanno voluto con la propria adesione, come nucleo costituente, dare un proprio contributo e fornire un punto di riferimento circa l’importante appuntamento referendario del prossimo autunno. Primi comitati sono nati in tutta la Regione con numeri e adesioni significative, soprattutto in Alta Umbria. La nascita dei Comitati rappresenta una novità di tutto rilievo nella storia della nostra nazione” – affema Francesca Castellani da poco nominata come Responsabile Nazionale del Welfare e a capo del coordinamento dei Comitati costituiti a livello regionale dai SocialDem per il SI – “Si moltiplicano le nostre iniziative dal Sud al Nord a sostegno dell’ambizioso processo di Riforma Costituzionale. Sarà convocata dai SocialDem dell’Umbria una assemblea aperta a tutti per approfondire i punti programmatici della riforma costituzionale. L’obiettivo dei comitati prioritario è quello di sostenere il Referendum Costituzionale che vuole un’Italia più semplice, capace di tradurre in realtà quel cambiamento che gli italiani ci chiedono da decenni. Già oltre 600.000 firme sono state raccolte a suo sostegno, delle quali oltre 7000 raccolte dai SocialDem” – conclude Castellani

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

andrea massari, socialisti e democratici umbria“Guardiamo con preoccupazione alla situazione dell’aeroporto San Francesco di Perugia. La carenza di infrastrutture da sempre penalizza la nostra regione che nel turismo potrebbe trovare il volano per il rilancio dell’economia.” – cosi in una nota Andrea Massari, presidente regionale dei Socialdem – “Il grande valore artistico, culturale e religioso di cui è ricca la nostra regione dovrebbe portarci a sviluppare politiche turistiche capaci di andare oltre gli steccati partitici, volte a incrementare anche la presenza di strutture ricettive che non siano costrette a svalutare la loro alta qualità. Portare turisti in Umbria” – continua Massari – “vuol dire anche dare un forte input ad altri settori quali l’agricoltura, l’ambiente e soprattutto il rilancio dei piccoli borghi la cui bellezza è riconosciuta a livello nazionale, ma che troppo spesso piuttosto che centri di attrazione turistica sono vittime di spopolamento e abbandono. Il turismo dunque è fondamentale per il rilancio economico e occupazionale della nostra regione” – conclude Massari – “e proprio per questo non possiamo permetterci passi indietro rispetto all’aeroporto e ad investimenti nelle infrastrutture”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail