socialisti & democratici

“Con Fidel ci ha lasciati l’ultimo pezzo di storia del ‘900. Un visionario, un rivoluzionario. I suoi ideali, di cui non ci sfuggono le contraddizioni con la compressione dei diritti umani che condanniamo senza se e senza ma, sono stati comunque esempio per ciascuno di noi di uguaglianza e giustizia sociale. La sua profezia di un Presidente nero negli Stati Uniti e di un Papa sudamericano si è realizzata, il dialogo tra Usa e Cuba riaperto. Se n’è andato in pace, nel momento in cui la storia si è compiuta. #HastaLaVictoriaSiempre” – così su Facebook la coordinatrice nazionale Socialdem Claudia Bastianelli

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

“La richiesta di apertura di indagine in seno alla Commissione Bicamerale Antimafia sul Presidente della Campania è palesemente infondata e chiaramente strumentale. È evidente che i grillini, sotto indagine per falso a Palermo come a Bologna provano a buttarla in caciara, ma non si può consentire a nessuno di strumentalizzare un’istituzione come l’ Antimafia, per questo abbiamo votato contro la richiesta.” Così Marco di Lello deputato socialista del Pd e Segretario della Commissione Bicamerale Antimafia

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

“L’ultima parola spetta alla Conferenza Stato Regioni ma mi auguro che il buon senso prevalga e che oggi, finalmente, inizi quel percorso che prevede l’eliminazione di oltre 114 mila macchinette per il gioco d’azzardo da bar, ristoranti e luoghi pubblici. Più volte negli ultimi anni, sia in sede politica che in sede istituzionale, abbiamo denunciato i pericoli del gioco e la dipendenza che ne segue, con vittime dai giovanissimi ai più anziani. A differenza di quanto fece Berlusconi con il terremoto de L’Aquila, il Governo Renzi non solo non pensa di prelevare risorse aggiuntive per l’erario dal gioco d’azzardo, ma dimostra la volontà di dire finalmente basta al proliferare di Awp negli esercizi commerciali. Siamo dunque orgogliosi che questo passo venga finalmente compiuto perchè si tratta di una vittoria della buona politica.” – così Claudia Bastianelli, coordinatrice nazionale dei Socialdem

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

“La decontribuzione per le nuove assunzioni di giovani nel sud va nella giusta direzione. Basta contributi a fondo perduto e si a incentivi mirati: ora tocca alle imprese fare la propria parte” – così interviene Marco Di Lello, deputato socialista del Pd, sulla volontà dichiarata dal Premier Renzi di finanziare già dal 2017 nuova occupazione giovanile nel Mezzogiorno

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

“Complimenti al Governatore De Luca che ha voluto una iniziativa di alto profilo che mette il Mezzogiorno al centro dell’agenda politica, solo provata a sporcare da un manipolo di protestanti al soldo di chi continua a fare battaglia politica sulla pelle dei napoletani.” Così Marco di Lello deputato Pd e Segretario della Commissione Bicamerale Antimafia a margine della visita di Renzi a Napoli. “Si ergono a paladini della Democrazia e poi impediscono ai cittadini di andare ad ascoltare il Premier: ma sono questi i No che danno ancora più forza alle ragioni del Si” ha concluso Di Lello

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
fascicolo del fabbricatoPresentata oggi la pdl “Istituzione del registro Storico-Tecnico-Urbanistico dei fabbricati ai fini della tutela della pubblica e privata incolumità” firmata dai deputati Pd Marco Di Lello, Valeria Valente, Luigi Dallai, Angelo Capodicasa e Laura Venittelli.
“E’ arrivato il momento di dotare i fabbricati di un apposito fascicolo sul quale annotare le informazioni relative all’edificio stesso – di tipo identificativo, progettuale, strutturale, impiantistico e di conoscenza del sottosuolo – con l’obiettivo di pervenire ad un quadro conoscitivo a partire, ove possibile, dalle fasi di costruzione dello stesso e su cui registrare le modifiche apportate rispetto alla configurazione originaria. In particolare, si deve consentire di monitorare lo stato di conservazione del patrimonio edilizio con indagini specifiche a quei fabbricati che risultino aver subito, negli anni, rispetto alla configurazione originaria, modifiche sostanziali sia sotto il profilo strutturale che funzionale” hanno spiegato i proponenti. L’Italia è un paese a forte rischio, sismico, vulcanico e idrogeologico, e garantire la qualità delle costruzioni è il modo migliore per fare prevenzione. Anche per questo ci auguriamo una rapida calendarizzazione” – ha concluso Di Lello
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

francesca Casterllani S&DIl 4 dicembre saremo chiamati alle urne per votare SI o No al referendum sulla Riforma Costituzionale. Con la vittoria del Si oltre al superamento del bicameralismo paritario ci sarà l’abolizione della riforma del titolo V della Costituzione. Personalmente io non riesco a comprendere perché non votare Si ad una riforma che porterà aspetti positivi anche alle politiche sociali e alla sanità , materie importanti che toccano indistintamente tutti i cittadini nessuno escluso. Infatti con la vittoria del Si verrà attribuita la potestà legislativa allo Stato di queste materie dopo che la riforma del 2001 l’aveva interamente attribuita allo Regioni.
Attualmente abbiamo 21 sistemi regionali di Welfare che obbligatoriamente creano difformità e quindi disparità nella tutela dei diritti e nell’accesso delle prestazioni. Siamo tutti cittadini Italiani ed europei come può essere possibile che un cittadino della Calabria possa avere diritti diversi da quelli della Lombardia? Bisogna fare attenzione perché questo non significa ledere l’autonomia delle singole regioni e conseguentemente danneggiare le più virtuose, ma permettere allo Stato di avere un coordinamento non invasivo supportando le realtà locali e impedendo che ci possano essere costi sociali elevati a carico dei cittadini.
Volevo anche sottolineare che la modifica del 2001 in alcuni casi ha bloccato iniziative nazionali di politica  sociale per i numerosi conflitti di attribuzione di potere fra le Regioni e lo Stato. Ad esempio  pensiamo alle numerose riforme del mercato del lavoro di stampo europeo che si sono succedute nell’arco del tempo che a causa della rforma del capitolo V della Costituzione sono state rallentate e in alcuni casi inapplicate
Concludo affermano che bisogna sempre tendere al bene comune  e votare pensando a questo e non a fare il dispetto a qualcuno, perché poi in realtà  lo si fa  solo a noi stessi. Questa a mio parere è una riforma auspicabile che rafforzerà la  nostra Sanità e  la nostra rete di protezione  sociale, basandosi su principi di equità ed uniformità su tutto il territorio nazionale.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

14519805_1046533168778562_6901876352429364115_nAl via la seconda giornata della Festa dell’Unità di Napoli organizzata dai Socialdem e dal Pd Campania. Sul palco a parlare del “Pd che vogliamo” si sono alternati Luigi Simeone, dirigente nazionale Uil, il Sindaco Pd di Ercolano Ciro Bonajuto ed il parlamentare Leonardo Impegno, moderati da Carlo Porcaro de Il Mattino. “Ma c’è  davvero la volontà di fare il Partito a Napoli” si è interrogato provocatoriamente Luigi Simeone. ‘Un partito che si emoziona, che sta tra la gente, che cerca il confronto” ha sottolineato Buonajuto nel suo intervento molto apprezzato. “Una partito che almeno discute” ha attaccato Impegno. “Qui non si è fatta neanche un assemblea dopo il voto disastroso e senza i SocialDem non si sarebbe fatta neanche la Festa dell’Unità. Ora subito il congresso” ha poi concluso. I lavori sono poi proseguiti con la presentazione del libro di Carlo Puca “Il Sud deve morire” con l’autore, il vicepresidente della Regione Campania Fulvio Bonavitacola, il sottosegretario alle Infrastrutture Umberto Del Basso De Caro ed il segretario della Commissione Bicamerale Antimafia Marco Di Lello.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail