socialdem

claudia bastianelli, socialisti e democratici“La notizia che il Governo si starebbe impegnando per eliminare le slot dagli esercizi commerciali ne dimostra la maturità riformista. Da anni come Socialdem combattiamo una battaglia contro il gioco d’azzardo e la ludopatia, dipendenza troppo sottovalutata che ogni anno travolge quasi un milione di italiani e dove i giovani e giovanissimi ne sono le maggiori vittime. Non solo, dunque, il governo non ha alcuna intenzione di promuovere il gioco d’azzardo per finanziare la ricostruzione post sisma, cosa che invece fece il Governo Berlusconi dopo il terremoto in Abruzzo, ma ha anche tutta la volontà di eliminare le macchinette dagli esercizi commerciali dove chiunque, dagli adolescenti agli anziani, possono accedere senza neppure troppi controlli. A chi talvolta mette strumentalmente in dubbio l’impronta riformista di Matteo Renzi, il governo risponde anche questa volta con i fatti concreti.” – così in una nota Claudia Bastianelli, coordinatrice nazionale dei SocialDem

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

bastianelli7“Il Senato approva la legge sul Dopo di Noi. Mancano, ovviamente, i voti del M5S che per l’ennesima volta dimostra la sua incapacità di poter essere mai forza di governo, tanto da riuscire a votare contro e polemizzare anche su un testo che ha avuto il voto favorevole di quasi tutta l’opposizione. Trovo profondamente imbarazzante l’atteggiamento di si erge a paladino del bene comune e poi si tira indietro anche quando si tratta di una legge sacrosanta come questa.” – così interviene Claudia Bastianelli, coordinatrice nazionale dei SocialDem, subito dopo il voto in Senato di questa mattina – “Ogni genitore con figli portatori di handicap vive nell’angoscia di cosa accadrà loro quando non ci saranno più. Dopo che la Camera approverà il testo in via definitiva, avremo finalmente una legge giusta. Non si tratta di politica” – conclude Bastianelli – “bensì di umanità”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Logo_def“Il voto contrario all’emendamento presentato dalla Commissione Bilancio è la presa di posizione di chi – come noi e buona parte del Pd che non ha votato – lo giudica un’inversione della ratio dell’intera legge. Il testo della pdl recitava: “in via prioritaria è disposto l’affidamento diretto in favore di società interamente pubbliche”. L’emendamento proposto dalla Commissione Bilancio lo modifica prevedendo che “l’affidamento può avvenire anche in via diretta a favore di società interamente pubbliche”. In sostanza si opera una scelta dicendo, di fatto, che l’affidamento diretto alla società pubblica non è più una “priorità” ma una “possibilità”. È evidente che l’opzione viene rimessa alla politica locale, ma è altrettanto evidente che il segnale è di ridimensionamento dell’idea di “priorità” pubblica che fino al giorno prima era stato presentato come l’aspetto caratterizzante” – così in una nota congiunta i deputati SocialDem Marco Di Lello, Giuseppe Lauricella e Lello Di Gioia

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

aeroporto-perugia“Affiancare una stazione ferroviaria all’aeroporto San Francesco e sfruttare i treni come metropolitana esterna al circuito cittadino potrebbe essere una soluzione affinché lo scalo perugino non solo non si ridimensioni, ma abbia un ulteriore sviluppo che gli consenta da un lato di agevolare i turisti che vorranno visitare la nostra regione, dall’altro di collegarsi rapidamente anche alle stazioni di alta velocità in essere e in fase di progettazione.” – cosi interviene Mirco Ficarelli, del coordinamento regionale dei Socialdem in merito al dibattito di questi giorni intorno allo scalo di Sant’Egidio – “Progettare inoltre un grande parcheggio anche per tutti i cittadini e pendolari che devono raggiungere Perugia centro usufruendo delle stazioni di S. Anna e Fontivegge è un altro nodo su cui riflettere. Tanto abbiamo investito sul San Francesco, tanti i risultati raggiunti che oggi vanno incrementati e non perduti”- conclude Ficarelli

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

claudia bastianelli, socialisti e democratici“Nei giorni scorsi il Comune di Roma ha sfrattato Fondazione Modigliani dalla sua storica sede, nel silenzio e indifferenza generale. Abbiamo così deciso di rispondere all’appello del Prof. Belardelli pubblicato da Corriere della Sera e di presentare un’interrogazione al Ministro Franceschini a firma del deputato Marco Di Lello (Pd). La storia del socialismo italiano è in gran parte racchiusa negli archivi della Fondazione e, seppur consapevoli che lo sfratto arriva a seguito della forte azione contro lo scandalo di Affittopoli messa in campo dal Commissario di Roma Tronca, riteniamo che ci siano delle realtà culturali che vanno sempre difese quali vere e proprie ricchezze. La Fondazione ha continuato a pagare regolarmente il suo affitto e, sarebbe cosa buona e giusta da parte delle istituzioni, trovare una soluzione alternativa affinchè il patrimonio storico, culturale e politico non vada disperso. La storia di Modigliani e del Socialismo italiano non si può e non si deve cancellare perchè senza memoria non c’è (buon) futuro” – cosi Claudia Bastianelli, coordinatrice nazionale dei Socialdem in una nota.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

bernie sanders, primarie usa 2016, marco di lello, socialisti e democratici“La speranza in un mondo migliore vince anche in America e con essa le idee di giustizia sociale e pari opportunità. Il socialismo democratico si conferma dunque non solo vivo ma in grande forma, a dispetto di chi voleva seppellirlo come “un cane morto”. Un seme vitale che attecchisce anche in una terra ostile come quella degli Usa. Dopo il primo Presidente nero gli americani possono ora eleggere il primo Presidente socialista. L’associazione Socialdem ha per questo organizzato la presentazione del libro di Sanders “Quando è troppo è troppo”, prevista a Roma il prossimo 28 aprile”. – cosi commentano il risultato delle primarie Usa della notte scorsa i tre deputati Socialdem Marco Di Lello, Giuseppe Lauricella e Lello Di Gioia.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

claudia bastianelli, socialisti e democratici, lavoro, licenziamento furbetti, riforma pa“La proposta avanzata ieri dal Premier di allargare alla platea dei pensionati minimi il contributo di 80 euro si chiama giustizia sociale. Con appena 500 euro al mese è impossibile vivere, soprattutto in un periodo della vita dove le esigenze individuali aumentano. In un periodo storico in cui si fa la gara su cosa voglia dire essere di sinistra, credo che andare incontro, per quanto possibile, ai più deboli sia quanto più di sinistra ci possa essere. La dignità di un anziano, troppo spesso costretto a chiedere aiuto ai propri figli, è un dovere per un governo, per un Paese civile, per chi si dichiara uomo di sinistra, per ciascuno di noi” – così in una nota Claudia Bastianelli, coordinatrice nazionale dei Socialdem.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

claudia bastianelli, perugina, perugia, nestlè, socialdemSpero che i faziosi autori del video provino almeno un po’ di vergogna dopo aver strumentalizzato il caso del disabile cui è stato consentito di votare in auto attesa la presenza di barriere architettoniche che ne hanno impedito l’accesso al seggio.

Quanto allo scandalo da prima pagina della dazione dell’euro necessario al voto, per quanto deprecabile, anche mio figlio che frequenta la quarta elementare, ha sottolineato che tra euro ricevuto ed euro versato per votare nulla è stato (ot)tenuto dell’elettore.

Capisco che a molti la vittoria della Valente sia rimasta indigesta e i tanti che, tra imprenditori giornalisti e compagnia varia, speravano nella restaurazione, provano a sporcare una consultazione che ha visto trentamila cittadini votare liberamente. Ma tra la R della finta rivoluzione arancione e quella della (mancata) Restaurazione i napoletani hanno scelto la R del riformismo. Di Renzi e di Valeria Valente. ” Così su Facebook il deputato SocialDem Marco Di Lello

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail