gioco d’azzardo

“Ancora arresti, ancora partite truccate, ancora scommesse: mese dopo mese le diverse indagini confermano la necessità di intervenire legislativamente per vietare le scommesse nelle serie minori e più in generale per trovare rimedi ad un inquinamento cui il mondo del calcio si trova fortemente esposto, dalle mafie che controllano le curve, vedi la condanna del capo ultras Rocco Dominello, ai rischi di riciclaggio nel capitale sociale. Dopo l’audizione del Ministro Lotti prima della pausa estiva puntiamo a definire una proposta di legge complessiva” così Marco Di Lello segretario della Commissione Bicamerale Antimafia per cui cura l’indagine  su Mafia e Sport. E di “Come sono cambiate le curve italiane” discuteranno stasera  alle 1830 al Teatro comunale di Folgarida lo stesso Di Lello con Giuseppe Borrelli, coordinatore DDA di Napoli, i giornalisti Guido e Sandro Ruotolo e Vittorio Zambardino, coordinati da Maurizio Criscitelli.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

“L’ultima parola spetta alla Conferenza Stato Regioni ma mi auguro che il buon senso prevalga e che oggi, finalmente, inizi quel percorso che prevede l’eliminazione di oltre 114 mila macchinette per il gioco d’azzardo da bar, ristoranti e luoghi pubblici. Più volte negli ultimi anni, sia in sede politica che in sede istituzionale, abbiamo denunciato i pericoli del gioco e la dipendenza che ne segue, con vittime dai giovanissimi ai più anziani. A differenza di quanto fece Berlusconi con il terremoto de L’Aquila, il Governo Renzi non solo non pensa di prelevare risorse aggiuntive per l’erario dal gioco d’azzardo, ma dimostra la volontà di dire finalmente basta al proliferare di Awp negli esercizi commerciali. Siamo dunque orgogliosi che questo passo venga finalmente compiuto perchè si tratta di una vittoria della buona politica.” – così Claudia Bastianelli, coordinatrice nazionale dei Socialdem

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
claudia bastianelli festa del PD Catania“La notizia che il Governo si starebbe impegnando per eliminare le slot dagli esercizi commerciali ne dimostra la maturità riformista. Da anni come Socialdem combattiamo una battaglia contro il gioco d’azzardo e la ludopatia, dipendenza troppo sottovalutata che ogni anno travolge quasi un milione di italiani e dove i giovani e giovanissimi ne sono le maggiori vittime. Non solo, dunque, il governo non ha alcuna intenzione di promuovere il gioco d’azzardo per finanziare la ricostruzione post sisma, cosa che invece fece il Governo Berlusconi dopo il terremoto in Abruzzo, ma ha anche tutta la volontà di eliminare le macchinette dagli esercizi commerciali dove chiunque, dagli adolescenti agli anziani, possono accedere senza neppure troppi controlli. A chi talvolta mette strumentalmente in dubbio l’impronta riformista di Matteo Renzi, il governo risponde anche questa volta con i fatti concreti.” – così in una nota Claudia Bastianelli, coordinatrice nazionale dei SocialDem
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

claudia bastianelli, socialisti e democratici“La notizia che il Governo si starebbe impegnando per eliminare le slot dagli esercizi commerciali ne dimostra la maturità riformista. Da anni come Socialdem combattiamo una battaglia contro il gioco d’azzardo e la ludopatia, dipendenza troppo sottovalutata che ogni anno travolge quasi un milione di italiani e dove i giovani e giovanissimi ne sono le maggiori vittime. Non solo, dunque, il governo non ha alcuna intenzione di promuovere il gioco d’azzardo per finanziare la ricostruzione post sisma, cosa che invece fece il Governo Berlusconi dopo il terremoto in Abruzzo, ma ha anche tutta la volontà di eliminare le macchinette dagli esercizi commerciali dove chiunque, dagli adolescenti agli anziani, possono accedere senza neppure troppi controlli. A chi talvolta mette strumentalmente in dubbio l’impronta riformista di Matteo Renzi, il governo risponde anche questa volta con i fatti concreti.” – così in una nota Claudia Bastianelli, coordinatrice nazionale dei SocialDem

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Marco di lello, partito democratico, commissione antimafia, gioco d'azzardo, infiltrazioni mafiose“La relazione approvata oggi dalla Commissione Bicamerale Antimafia su Mafia e Gioco d’azzardo è utile anche per comprendere gli effetti della legalizzazione su attività illecite. Mentre resta alto il rischio di infilitrazioni, per cui occorre prevedere strumenti normativi aempre più efficaci è evidente il crollo del fatturato per le organizzazioni criminali. Vale per il Gioco d’azzardo come per le Droghe leggere” così Marco Di Lello (Pd) segretario della Commissione Antimafia

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail