fabio guerriero

by Socialdem on

Assemblea SocialdemSi è tenuta stamattina a Firenze, nello storico Circolo Pd di San Bartolo a Cintoia, l’assemblea nazionale dei Socialdem, l’area socialista del Pd coordinata da Claudia Bastianelli a cui hanno aderito l’ex capogruppo Psi Marco Di Lello, oggi segretario della commissione bicamerale antimafia, l’On. Lello Di Gioia, presidente della commissione di controllo sull’attività degli enti gestori di previdenza e assistenza sociale, l’On. Giuseppe Lauricella, promotore dell’ultima pdl di modifica all’Italicum, e che oggi conta migliaia di amministratori e dirigenti in tutta Italia.
“Vogliamo confrontarci alla luce dei risultati del referendum e delle sfide a cui saremo chiamati nei prossimi mesi. Ci proponiamo di portare un contributo di idee e valori alla nostra comunità che a breve potrebbe essere chiamata ad un congresso. Non vogliamo essere una corrente ma usciamo da una campagna elettorale faticosa dove siamo stati in prima linea a sostegno del Si e dobbiamo confrontarci in una serena analisi del voto senza nasconderci i tanti errori che ci hanno portato alla sconfitta. Tornare a parlare alle periferie senza perdere la classe media: se nel Job Act, che ha il merito di aver esteso tutele e diritti, vi è una norma il cui abuso attraverso i voucher ha invece precarizzato altri lavoratori dobbiamo avere la forza di cambiarla quella norma. Non perché incomba un nuovo referendum ma perché siamo convinti vada cambiata” – è quanto dichiara la coordinatrice nazionale Claudia Bastianelli durante il suo intervento.
“Sei c’è una lezione è che il Partito serve. Senza Partito non ce la fa neanche Matteo Renzi. Serve una squadra che sia espressione del merito e serve la freschezza del “rottamatore”, quello che violava i Santuari, andava in giro per Scuole e Fabbriche, Terra dei fuochi. Tra la gente. Saremo al fianco di Matteo Renzi facendo tesoro degli errori fatti e con l’ambizione di tornare ad essere noi il Partito della speranza ma non delle chiacchiere. I Socialdem faranno la loro parte. Senza stare a guardare. Sui territori e al Nazionale. Anche candidandoci. Senza farci ingabbiare dalle alchimie correntizie, ma anzi, rompendo quegli equilibri che hanno portato all’afasia il Pd. Ricostrudendo. Un anno fa ci proponemmo come Cantiere di idee: oggi vogliamo proporci come “Costruttori” di futuro” – ha concluso il deputato Socialdem Marco Di Lello
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Logo_defSi è riunito ieri l’altro il coordinamento cittadino dei Socialisti e Democratici di Catanzaro per discutere delle iniziative da mettere in campo per arginare il grave declino in cui una parte politica ha rilegato la nostra città. Dall’analisi della situazione politica è emersa Interessante, ma privo di aderenza con la realtà, il dibattito sulle prossime elezioni comunali a Catanzaro. Le esternazioni di Abramo, le dichiarazioni dei tanti che nessun legame hanno con la città e i cittadini, ma soprattutto i silenzi del PD fanno intendere che, al di la di qualche pressione romana, la partita sulla città è ancora tutta da giocare. Di certo riteniamo si debba registrare un dato incontrovertibile: quello che nessuno può immaginare di proporre ai catanzaresi qualsivoglia candidatura a primo cittadino senza coinvolgere i consiglieri comunali dei Socialisti e Democratici. Riteniamo che 5 anni di seria opposizione, spesso senza alcun sostegno da parte dei partiti che governano insieme il Paese, non possono essere archiviati come se nulla sia successo e necessitano di una seria riflessione politica nelle sedi deputate e non nei salotti di taluni. Siamo consapevoli che è giunta l’ora di dare gambe al progetto di alternativa al governo Abramo ma siamo determinati nell’affermare che solo attraverso un pieno coinvolgimento della società catanzarese, una chiara demarcazione tra chi governa e chi sta oppone ed infine solo attraverso il ripristino del primato della politica si possa costruire a Catanzaro una alternativa credibile e non di circostanza. Fuori da questi tre paletti noi Socialdem ci sentiremo svincolati da qualsivoglia adesione aprioristica ad ipotetici progetti che molto sanno di commissariamenti ad uso e consumo di ambizioni altre e nulla hanno a che vedere con la rinascita della nostra città. In conclusione il coordinamento ha dato mandato al responsabile cittadino di avviare una serie di incontri utili a definire un percorso programmatico di centro sinistra che preveda progetti condivisi e, solo successivamente, l’individuazione di un Sindaco attraverso lo strumento democratico per eccellenza, le primarie di coalizione.

Il coordinamento cittadino di S&D

e i consiglieri comunali

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
“Un atto che non riuscirà a intimidire o a fermare l’azione che come Socialisti e democratici stiamo portando avanti, in una regione che ne ha bisogno, sulla legalità e sulla trasparenza”. Lo afferma il deputato di Socialisti & Democratici Marco Di Lello commentando il caso che ha visto coinvolto a Catanzaro il presidente dell’associazione S&D e segretario della Uil Com Fabio Guerriero, che ha sporto denuncia contro ignoti per furto e danneggiamenti della vettura.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail