bastianelli

claudia bastianelli, diritti umani, matteo salvini, partito democratico“Abbiamo deciso di procedere con un esposto nei confronti del segretario della Lega Nord Matteo Salvini per denunciare il suo comportamento volto all’incitamento all’odio razziale, dopo le affermazioni gravissime che ha fatto in riferimento alle due donne rom rinchiuse e derise in una gabbia a Follonica. Salvini si è persino proposto di pagare le spese legali degli uomini che hanno compiuto tale gesto dopo averne applaudito il comportamento. Un leader politico dovrebbe sempre anteporre la responsabilità collegata al suo ruolo pubblico rispetto all’interesse di raccattare qualche voto di estremisti di destra, anche perchè in Italia l’incitamento all’odio razziale è reato, anche se forse Salvini non è consapevole. Glielo insegneremo noi.” – così Claudia Bastianelli, coordinatrice nazionale Socialdem, l’associazione che riunisce i socialisti del Pd

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Logo_defscontornatopiccolo“I deputati Socialdem presenteranno nei prossimi giorni un’interrogazione al ministro Orlando per approfondire quanto accaduto al detenuto romano deceduto dopo 2 mesi di coma a Napoli. I suoi difensori avevano più volte fatto istanza di scarcerazione al fine consentire alla famiglia di poterlo assistere in strutture ospedaliere adeguate, ma purtroppo il giovane trentasettenne è deceduto nella struttura Giovanni Bosco di Napoli mentre era ancora agli arresti. Molto è stato fatto in questi anni da parte del ministro Orlando per garantire la dignità dei detenuti, a partire dal sovraffollamento carcerario, ma se ancora oggi un carcerato può morire così vuol dire che c’è ancora molto da fare. Consideriamo indegno che un uomo possa morire in attesa che un qualche giudice decida se scarcerarlo e consentirgli adeguata assistenza.” – così in una nota la coordinatrice nazionale Socialdem Claudia Bastianelli
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
bagnasco, bastianelli, partito democratico“Le preoccupazioni espresse oggi dal Cardinal Bagnasco sono le nostre speranze. L’autodeterminazione dell’individuo che tanto spaventa il Cardinale è quella libertà di scelta che da anni auspichiamo. La libertà di vivere o morire, quella libertà che dopo 10 anni dalla morte di Welby è ancora inascoltata, nonostante i ripetuti appelli che giungono da ogni parte del Paese. Ultimo in ordine di tempo il bellissimo video dell’ex dj Fabo al Presidente Mattarella, dove chiede di porre fine ad un’esistenza distrutta dopo un gravissimo incidente stradale. La sacralità della vita si rispetta solo nel momento in cui le si concede quella libertà di autodeterminazione che il Presidente Cei teme così tanto. Libera Chiesa in Libero Stato. Le leggi le fa lo Stato, nella sua laicità e libertà di coscienza. A ciascuno il suo ruolo nel rispetto e nelle differenze” – così in una nota la coordinatrice nazionale Socialdem Claudia Bastianelli
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail