Primarie USA

bernie sanders, primarie usa 2016, marco di lello, socialisti e democratici“La speranza in un mondo migliore vince anche in America e con essa le idee di giustizia sociale e pari opportunità. Il socialismo democratico si conferma dunque non solo vivo ma in grande forma, a dispetto di chi voleva seppellirlo come “un cane morto”. Un seme vitale che attecchisce anche in una terra ostile come quella degli Usa. Dopo il primo Presidente nero gli americani possono ora eleggere il primo Presidente socialista. L’associazione Socialdem ha per questo organizzato la presentazione del libro di Sanders “Quando è troppo è troppo”, prevista a Roma il prossimo 28 aprile”. – cosi commentano il risultato delle primarie Usa della notte scorsa i tre deputati Socialdem Marco Di Lello, Giuseppe Lauricella e Lello Di Gioia.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

bernie sanders, socialista, socialisti e democratici, marco di lello, primarie americane“Bernie Sanders alle primarie americane e’ un democratico che ha il coraggio di definirsi socialista. Piace ai giovani, agli immigrati americani, è riuscito a connettersi sentimentalmente con i cittadini statunitensi molto più di quanto sia riuscita a fare la super favorita della prima ora Hillary Clinton e il risultato in New Hampshire lo dimostra ampiamente. Ora la domanda è: un socialdemocratico alla Casa Bianca? Dopo il primo presidente afroamericano, l’America è pronta anche a questa svolta. Noi ci crediamo.” – così Claudia Bastianelli, coordinatrice nazionale dei Socialdem. E da qui facciamo il tifo. Pronti a dare il nostro piccolo contributo economico e di volontariato”. Su Sanders interviene su facebook anche il deputato Socialdem Marco Di Lello. – ” Per chi come noi si dichiara Socialista e Democratico è già un successo sapere che anche negli Usa oggi l’aggettivo socialista non ha più un’accezione negativa e quella straordinaria idea di uguaglianza delle opportunità riscuote grandi successi anche oltreoceano, rompendo un tabù durato troppo a lungo”. (Foto in allegato)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail