Occupazione

“Buone le notizie che arrivano in merito all’accordo quadro chiuso oggi tra sindacati e Nestlé in merito al futuro dello stabilimento di San Sisto.” – è quanto dichiara Claudia Bastianelli, coordinatrice nazionale dei Socialdem – “In particolare la destagionalizzazione dell’attività, inserendo nel piano industriale non solo la produzione di cioccolato e Bacio ma anche l’intera produzione europea di cialde gelato Nestlé, fa ben sperare anche in termini di tutela dei livelli occupazionali. Pare che il Comitato si sia inoltre impegnato a incontrarsi ogni 3 mesi per verificare lo stato reale degli investimenti previsti, giusto. Abbiamo chiesto un piano industriale per anni” – conclude Bastianelli – oggi finalmente è arrivato confermando quanto questo rappresenti un passo importante per Nestlé, Perugina e, soprattutto, per la nostra città”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

bastianelli7“Si tratterebbe di una gravissima mancanza di rispetto da parte di Nestlè nei confronti dei lavoratori se dovessero essere confermare le indiscrezioni pubblicate su Corriere della Sera di oggi in cui si annuncia la volontà di cedere le caramelle Rossana e il marchio Ore Liete ad altre aziende leader nel settore dolciario. Nelle prossime ore è previsto un incontro con i sindacati durante il quale l’azienda dovrebbe presentare il nuovo piano industriale. Un piano industriale che aspettiamo da troppo tempo e che di certo non può essere quello di svendere una parte importante della produzione di San Sisto. Temo che il vero problema sia un altro: se da un lato è vero che Perugina è Perugia, purtroppo Perugina non è in mano ai perugini e Oltralpe, evidentemente, vedono in quei prodotti solo una produzione secondaria e non tanti posti di lavoro legati ad una storia da salvare.” – così in una nota la coordinatrice nazionale SocialDem Claudia Bastianelli

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

L’Associazione S&D nel prendere atto della gravissima situazione di incertezza e precarietà del personale appartenente ai corpi di Polizia Provinciale di Perugia e Terni, anche a seguito del difficile percorso di riallocazione, più volte ridefinito nell’ultimo anno da interventi normativi fra loro contraddittori, richiama l’attenzione delle istituzioni ad ogni livello, invitandole a collaborare e contribuire insieme alla risoluzione del problema.
Ricordiamo che mancano appena dieci mesi (1 gennaio 2017) all’avvio della messa in disponibilità del personale di polizia provinciale non ricollocato entro l’anno 2016 , con la conseguente decurtazione stipendiale dell’80% per massimo due anni (2017/2018), alla quale seguirà il licenziamento.
Il coordinamento regionale di Socialisti&Democratici sarà al fianco dei lavoratori della Provincia in qualunque iniziativa riterranno opportuna.
Anche il deputato SocialDem Marco Di Lello e la coordinatrice nazionale Claudia Bastianelli hanno dichiarato la loro disponibilità per sostenere le loro ragioni ed evitare i licenziamenti.

Il Coordinamento Regionale
SOCIALISTI&DEMOCRATIC

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail