30/01/2016

Logo_defL’associazione nazionale “Socialisti&Democratici” ha verificato che nella Provincia di Perugia le strade regionali (ex Anas) circa 600 chilometri sono fra le più dissestate di tutta l’Italia centrale.
Fino al 2001 le strade erano di competenza dell’Anas, dal 2001 sono di proprietà della Regione Umbria che le fa gestire dalla Provincia di Perugia senza dotarla dei finanziamenti necessari.
Eppure lo Stato e le Regioni incassano le accise sui carburanti (circa 1,00 euro/litro) e la tassa del bollo auto, denaro che dovrebbe essere almeno in parte destinato alla manutenzione delle strade.
“Tralasciando” i cospicui proventi delle accise sui carburanti, è stato verificato che si potrebbero mantenere in efficienza le strade regionali destinando il 10% dell’ammontare del bollo dei veicoli che pagano la tassa nella Provincia di Perugia.
A parere dei “Socialisti&Democratici” è un contributo doveroso e ragionevole al fine di garantire la fluidità e la sicurezza della circolazione  sulle strade regionali.
Ovviamente, anche se ingiustamente, le lamentele dei cittadini per la mancata manutenzione delle strade e le denunce relative ai sinistri stradali sono indirizzate ai dipendenti della Provincia che operano nella viabilità.
Il personale della Provincia di Perugia ha il merito di mantenere ancora le strade percorribili in condizioni di sicurezza seppure a velocità moderata, senza soldi, mezzi inefficienti e personale in numero decisamente insufficiente rispetto a quanto necessario.
Attendiamo con fiducia che la riforma della pubblica amministrazione chiarisca in modo inequivocabile che chi ha la gestione di un servizio fondamentale come quella delle strade, sappia dove prendere i necessari finanziamenti.
In conclusione spetta agli amministratori regionali, e solo a loro, stabilire se finanziare o meno la manutenzione delle strade e ai funzionari della Provincia, in mancanza di finanziamenti, purtroppo solo la decisione di chiudere le strade o applicare limiti di velocità intollerabili al fine della salvaguardia della sicurezza stradale: ma questo non ci sembra ragionevole.
La politica dovrebbe avere il compito di stabilire se costruire o meno nuove strade, varianti o rotatorie, i fondi per la manutenzione delle strade esistenti devono essere certi e a disposizione di chi ha la responsabilità della gestione della viabilità.

Coordinamento Socialisti&Democratici per l’Umbria

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Bastianelli“La politica deve scegliere senza condizionamenti, ne di piazza ne di ingerenze di diversa natura. La società è pronta, ora è il Parlamento che dovrà dimostrare maturità. Era il 1988 quando la deputata socialista Alma Cappiello presentò la prima proposta di legge sulle unioni civili. Dopo 28 anni finalmente arriverà in un’aula parlamentare. Un Paese civile e democratico ha il dovere di garantire la libertà di scelta e il diritto alla felicità di tutti i suoi cittadini. Chi scenderà in piazza oggi ha il sacrosanto diritto di non contratte mai unioni civili, ma non può pensare di avere il diritto di negare la libertà altrui. Il testo Cirinna’ renderà l’Italia più laica e più libera. Non contro la famiglia, ma nel rispetto di ogni sua forma di amore” – cosi in una nota la democratica Claudia Bastianelli, coordinatrice nazionale dell’associazione Socialisti&Democratici

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

valeria valente, marco di lello, primarie napoli, sindaco napoli“Nonostante una surreale rappresentazione giornalistica la candidatura di Valeria Valente e’ larghissimamente condivisa dalla maggioranza del Pd, a Napoli come a Roma. Una candidatura capace di coniugare innovazione competenza ed esperienza: qualita’ che porteranno il Pd nuovamente al governo della citta’. Con buona pace di quanti ancora in queste ore hanno lavorato perche’ si perdessero le elezioni relegando la citta’ ad una marginalita’ che non merita” – cosi Marco Di Lello, segretario della commissione antimafia, commenta la candidatura di Valeria Valente alle primarie nella città di Napoli.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

vincenzo scognamiglio, socialNapoli, 22 gen 2016 – Si è riunita oggi a Napoli la Consulta dell’Associazione nazionale Socialisti & Democratici fondata dal parlamentare Marco Di Lello, Segretario della Commissione Antimafia. La Consulta, alla presenza del Responsabile organizzativo nazionale Vincenzo Scognamiglio,  ha eletto il direttivo provinciale composto da 21 membri il quale a sua volta ha nominato Presidente Annalisa Servo. “L’associazione è formata   da donne e uomini” dichiara la neo presidente, “non tutti iscritti al Pd, che vogliono far vivere e contare il socialismo in Italia”.  “Non una corrente all’interno del PD bensì un luogo di elaborazione e azione politica con l’obiettivo di far crescere il Pd e sostenere convintamente il Governo Renzi per far crescere l’Italia” è quanto tiene a precisare il fondatore Marco Di Lello. Il neo costituito direttivo si è già messo al lavoro per l’organizzazione di due importanti incontri su tematiche di grande rilievo quali  “Napoli, Metropoli delle periferie” e “Industrializzazione e deindustrializzazione dell’Area Metropolitana di Napoli”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

marco di lello, antimafia, quarto, socialisti & democratici“Dopo le tante bugie raccontate in questi giorni, anche alla Commissione Antimafia, la Sindaca di Quarto fa l’unica scelta giusta, quella di dimettersi. La Procura, dopo la doverosa trasmissione degli atti da parte della Presidente Bindi, valutera’ per quanto di competenza. Da parte sua la Commissione continuera’ ad indagare sulle omissioni e sulle ambiguita’ dei vertici M5S denunciate dalla Sindaca ed emerse dalla attivita’ istruttoria della Procura”: cosi’ Marco Di Lello, segretario della Commissione Bicamerale Antimafia.
“E sul condono dovra’ rendere conto delle falsita’ raccontate e dei punti oscuri emersi in questi giorni” conclude Di Lello

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

claudia bastianelli, socialisti e democratici, lavoro, licenziamento furbetti, riforma pa“Da 8.000 partecipate si passerà a 1.000, con conseguente taglio drastico delle poltrone e cda di nomina politica, troppo spesso affidate a uomini “fedeli” anziché preparati. Licenziamento e multa pari ad almeno 6 mesi di stipendio per i furbetti del cartellino. Semplificazione burocratica nei rapporti con i cittadini.
Riformare vuol dire cambiare le cose per migliorarle. Riformare a volte richiede coraggio e questo Governo ne ha avuto molto. Questa è un’ottima riforma, a lungo attesa, per rendere l’Italia un Paese competitivo. #lavoltabuona” – cosi in una nota Claudia Bastianelli, coordinatrice nazionale di Socialisti&Democratici, commenta l’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri, dei decreti attuativi della riforma della pubblica amministrazione.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Il consigliere Psi straccia la tessera

by Socialdem on

CHI E’ GIAN PAOLO SANNA:
Sorso 14.800 abitanti, terza città più grande della provincia di Sassari. Alle primarie 2013 in Sardegna il PSI si presenta con Simone Atzeni che a Sorso prende 100 voti esattamente quanti ne ha presi a Cagliari città. Gian Paolo Sanna si presenta alle regionali come candidato è risulta essere il più votato di tutta la provincia, alle amministrative del 2014 si candida nella sua città dove comunque aveva già fatto l’Assessore e si ripresenta con la coalizione di centro sinistra che subisce una sonora sconfitta. Ma Gian Paolo Sanna risulta essere comunque il più votato con 421 voti personali su 2400 di lista ed unico rappresentante socialista eletto in tutta la provincia di Sassari, Sassari compresa.

 

marco di lello, socialisti & democratici, partito democratico, sorso, sassari, gian paolo sannaSORSO 15 Gennaio 2015

Comunicato stampa

Oggetto: dimissioni da componente della segreteria regionale

Con la presente sono a rassegnare le mie dimissioni dalla carica di componente della segreteria regionale e di tutti gli incarichi connessi all’interno dello stesso.
Non esistono più da tempo le condizioni per una mia permanenza nell’incarico affidatomi: da mesi non mi riconosco più nel profilo e nell’azione condotta dal Partito Socialista e ho deciso di non rinnovare la mia iscrizione al partito.
Si può essere minoranza o maggioranza, ma quando non si intravede un orizzonte ideale condiviso allora arriva il tempo delle scelte, anche se difficili e dolorose.
Ho scommesso e condiviso fortemente la proposta di rinnovvamento per una ripartenza con la candidatura di Simone Atzeni per rilanciarne l’azione iniziando dalle primarie in Sardegna ma oggi prendo atto del fallimento di quel progetto.
L’illussione e andata affievolondosi ulteriormente con l’uscita di Peppino Balia segretario regionale capace e carismatico al quale da sempre sono legato.
Di fatto la parola partito significa di parte cosa che in questo momento non mi sento per cui porterò avanti il mio mandato come capogruppo nel consiglio comunale della mia città autonomamente senza per questo venir meno alle tematiche che riguardano il pubblico interesse.

Cordiali saluti
Gian Paolo Sanna

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

claudia bastianelli, socialisti e democratici, lavoro, licenziamento furbetti“Sospensione per 48 ore, licenziamento entro 30 giorni per i furbetti del cartellino. Dovrebbe essere la miglior notizia per quei tanti, quasi tutti, dipendenti pubblici onesti e ligi al dovere…cattiva notizia per quei pochi, pochissimi, che hanno lanciato fango con i loro comportamenti fraudolenti su chi svolge bene la propria funzione pubblica. #Buonenotizie #eraora”. Cosi su facebook la coordinatrice nazionale di Socialisti&Democratici.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

stepchild adoption, marco di lello, pd, socialisti e democratici, diritti civili“Chiedere lo stralcio della Stepchild adoption e’ un errore ma pubblicare i nomi dei senatori tradisce un metodo da gogna assolutamente inaccettabile anche per chi la pensa diversamente” – cosi’ il deputato Marco Di Lello fondatore di S&D  (socialisti e democratici) – “Non diamo alibi a quanti vogliono affossare una legge di civilta’ gia’ frutto di compromessi. Ed i senatori tengano conto anche delle diverse sensibilita’ della maggioranza dei deputati per evitare un imbarazzante balletto del testo tra le due camere, che sarebbe il modo migliore per aiutare quanti non vogliono alcuna legge in materia” conclude Di Lello

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail